Tarfusser, il magistrato che sa chiedere scusa

Dopo aver seguito “Peso morto”, Cuno Tarfusser, sostituto procuratore generale della Corte d’Appello di Milano, ha voluto pubblicamente scusarsi a nome delle istituzioni con Angelo Massaro. Che ha commentato: «È la prima volta che accade da quando sono tornato un uomo libero»

L’Offesa, una donna innocente nelle maglie della giustizia più ingiusta

«Cosa devo fare per gridare al mondo intero questo scandaloso errore giudiziario che nessuno vuole ammettere? Devo forse ricorrere a gesti estremi, per attirare l’attenzione di questi magistrati ciechi di fronte all’evidenza dei fatti?». Il carcere è il luogo più abbrutente, tetro e angosciante che si possa immaginare. Lo è per un detenuto colpevole, figuriamoci…

Via libera al rimborso delle spese legali per gli assolti

Chi è stato prosciolto con formula piena e sentenza definitiva avrà diritto a una restituzione parziale, e a rate, di quanto ha versato per difendersi. Il tetto individuale è fissato a 10.500 euro. E il fondo messo a disposizione dello Stato è di 8 milioni l’anno. Tutto quello che si deve sapere.

Vincent, finalmente libero dopo 44 anni in carcere da innocente

Lo arrestarono in Louisiana, nel 1977, con l’accusa di aver stuprato due minorenni. Lo condannarono a cento anni di reclusione, ma durante il processo furono nascosti alla difesa vari elementi che avrebbero potuto scagionarlo dall’inizio. È la quinta più lunga carcerazione da innocenti nella storia degli Stati Uniti.