Enrico Costa: “I giudici sbagliano, gli innocenti soffrono, lo Stato paga”

Schermata 2017-02-06 alle 16.34.06

Il ministro degli Affari regionali e della Famiglia, già viceministro della Giustizia nel precedente governo, è tra i pochissimi politici davvero attenti e propositivi sul tema di errori giudiziari e ingiuste detenzioni. In questa intervista spiega che i modi per intervenire esistono. Ecco quali sono

Giudici, la carriera prima di tutto

Errori giudiziari, cause e responsabilità dei giudici

Il direttore del quotidiano romano “Il Tempo”, Gian Marco Chiocci, interviene con un editoriale sul tema della riforma della giustizia, degli errori giudiziari, dell’ingiusta detenzione e della responsabilità dei magistrati. A poca distanza dalla pubblicazione di dati aggiornati sugli innocenti in carcere nel nostro Paese, le sue parole non sono affatto tenere: il sottosegretario alla [...]

Costa: “Azione disciplinare per i giudici che sbagliano”

Enrico_Costa

La proposta al Parlamento del viceministro della Giustizia per arginare il fenomeno delle ingiuste detenzioni: “Adesso non è automatico che le carte finiscano sul tavolo del ministro”

Ingiusta detenzione, pagati più di 600 milioni dal 1992

Enrico Costa

Il viceministro della Giustizia, Enrico Costa, rende noti i dati aggiornati della spesa dello Stato per risarcire chi è stato in carcere da innocente. E annuncia una legge per rendere automatica l’azione disciplinare contro i magistrati che sbagliano

Mentre i pm protestano, gli errori giudiziari aumentano

toghe-errorigiudiziari

La nuova legge sulla responsabilità dei giudici solleva critiche durissime dai magistrati. Ma intanto il Governo rivela che la richiesta di risarcimenti è in aumento

Errori giudiziari e ingiuste detenzioni, tutti i dati più aggiornati

errori-toghe

Il viceministro alla Giustizia, Enrico Costa, pubblica i numeri relativi alla spesa in risarcimenti e al totale dei procedimenti. E accusa: “Perché per un innocente in carcere continua a pagare solo lo Stato?”

Costa: “La responsabilità civile dei magistrati non è un puntiglio del Governo”

Enrico Costa, viceministro alla Giustizia

Il viceministro della Giustizia spiega perché riformare l’attuale legge Vassalli: “Si è dimostrata inefficace, anche nel fronteggiare l’emergenza dei casi di ingiusta detenzione”