In carcere innocente perché nessuno ha controllato il suo contratto di lavoro

Pubblicato il 30 maggio 1996

Responsabile del servizio di accoglienza e non medico. Eppure viene coinvolto nello scandalo dei “ricoveri urgenti” che ha travolto le Case di Cura Riunite di Bari. Trentasei ore in carcere da criminale. Poi la procura riconosce l’errore

Scheda

A. P.

Bari   BA
Anno1995
ReatoConcorso in truffa
Giorni di detenzione2 (carcere)
ErroreIndagini
RisarcimentoNon richiesto
“Buongiorno, sono il maresciallo Farandola della Guardia di Finanza. Devo parlarle”. Una voce al citofono, le sei di mattina del 3 maggio 1994. A.P. preme il pulsante per aprire il portone, non è agitato, solo un po’ insonnolito. In cucina, tre…

Questa storia è contenuta nel volume "Cento volte ingiustizia". Ti interessa conoscerla?