Giancarlo Noto: in carcere per uno scambio di persona, libero grazie al Dna

Pubblicato il 03 giugno 2016

Un testimone oculare giura di averlo riconosciuto come autore di una rapina ai danni di un’anziana. Ma il test genetico su indumenti e passamontagna lasciati dai banditi sul luogo del reato lo scagiona completamente. Dopo aver passato un anno e tre giorni in carcere da innocente

Scheda

Giancarlo Noto

Ragusa (Modica)  
Anno2014
ReatoRapina aggravata
AvvocatoGiovanni Favaccio, Alessio Malvaso
PmSerena Menicucci
ErroreTestimonianze
Risarcimento85 mila euro
Assolto con la formula più ampia come richiesto dalla difesa. Dopo un anno e tre giorni di detenzione ieri alle 12,30 il Tribunale di Ragusa ha assolto il ventunenne modicano Giancarlo Noto. Era accusato di rapina aggravata. La sentenza assolutaria è arrivata anche alla luce della perizia sui passamontagna utilizzati…

Registrazione