Quell’assessore non ha incassato tangenti

Un mese e mezzo in carcere per un’accusa con cui un amministratore pubblico non vorrebbe mai avere a che fare: corruzione. Dopo quasi otto anni, la verità. Sotto forma di un’assoluzione perché il fatto non sussiste.

SCHEDA

Giovanni Terzi

Milano (MI)
  • Anno
  • 2006
  • Reato
  • Corruzione
  • Avvocato
  • Jacopo Pensa
  • Giorni di detenzione
  • 75 (carcere)
  • Errore
  • Indagini
  • Risarcimento
  • 30 mila euro

Arrestato per corruzione e falso ideologico, ha dovuto attendere otto anni prima che la verità emergesse: Giovanni Terzi era innocente. Consigliere comunale di Forza Italia a Milano, era finito in carcere per una vicenda legata a presunte tangenti con la quale in realtà non aveva nulla a che fare. I…

Esegui il login o registrati al sito per leggere l'articolo completo