Mauro Galeazzi, l’assessore innocente: né corruzione né peculato

Ha passato due settimane in carcere con l’accusa di aver intascato tangenti da un imprenditore per favorire la realizzazione di un supermercato e aver usato un cellulare della Provincia per scopi personali. Non era vero. E lo Stato deve risarcirlo con 16.900 euro

SCHEDA

Mauro Galeazzi

Castel Mella (Brescia)
  • Anno
  • 2014
  • Reato
  • Corruzione, peculato
  • Avvocato
  • Marino Colosio
  • Giorni di detenzione
  • 14 (carcere)
  • Risarcimento
  • 16.900 euro

Mauro Galeazzi, ex assessore leghista di Castel Mella (in provincia di Brescia) avrà un risarcimento per l’ingiusta detenzione subita. Fu accusato di corruzione e di peculato. In particolare di aver intascato 10 mila euro da un imprenditore per rendere più agevole la realizzazione di un supermercato, e di aver utilizzato…

Esegui il login o registrati al sito per leggere l'articolo completo

Articoli correlati