NOSTRA ESCLUSIVA – “Io, innocente torturato e costretto a confessare di essere un trafficante di droga”

angelo cangianiello

La storia del poliziotto Angelo Cangianiello, vittima di un errore giudiziario: la Corte d’Appello di Roma lo ha assolto perché il fatto non sussiste al termine di un processo di revisione. A 31 anni dall’arresto per una vicenda che gli ha distrutto la carriera e rovinato la vita

Gulotta risarcito: 6,5 milioni di euro per 22 anni in carcere da innocente

Giuseppe Gulotta risarcito

Condannato all’ergastolo, dopo 9 processi era stato assolto perché la sua confessione era stata ottenuta con la tortura. I suoi avvocati avevano chiesto 56 milioni: “I giudici non hanno tenuto conto dei danni morali ed esistenziali. Faremo ricorso”.

Giuseppe Gulotta, per il risarcimento si decide entro febbraio

giuseppe_gulotta_big

Vittima di uno dei più clamorosi errori giudiziari del Dopoguerra, ha chiesto 56 milioni di euro per i 23 anni passati in carcere da innocente. Fu arrestato ingiustamente con l’accusa di aver ucciso due carabinieri e costretto a confessare

Giovanni Mandalà, l’ultimo innocente per la strage di Alcamo

Giovanni Mandalà, errore giudiziario
Giovanni Mandalà

L’incredibile storia del quarto imputato per l’omicidio di due carabinieri avvenuto 38 anni fa. Il processo di revisione che lo ha dichiarato innocente, nonostante lui sia morto in carcere per un tumore nel 1998, ha scoperto che i presunti colpevoli furono in realtà vittime di un colossale depistaggio che, forse, servì a coprire ben altre congiure

Strage Alcamo: Giovanni Mandalà assolto a 15 anni dalla morte

Baldassarre-Lauria-stragedialcamo

Dopo Giuseppe Gulotta, anche l’altro imputato dell’omicidio di due carabinieri avvenuto nel 1976 viene prosciolto al termine di un processo di revisione. Condannato all’ergastolo, era deceduto dietro le sbarre nel 1998. Ora finalmente la verità

Giuseppe Gulotta si è sposato. Ha passato 22 anni in carcere da innocente

gulotta q2

L’ex ergastolano aveva promesso alla sua compagna, Michela Aronica, che, al termine dell’infinita storia di malagiustizia, l’avrebbe sposata