Dice “cassette di pesce” al telefono, per la polizia è “cocaina”

Ha trascorso 12 giorni in carcere e 248 giorni ai domiciliari, ora ottiene 40 mila euro di indennizzo ma, nel frattempo, la sua piccola azienda di trasporti è fallita

SCHEDA

Paolo Audia

Bagheria (Palermo)
  • Anno
  • 2014
  • Reato
  • Traffico di stupefacenti
  • Avvocato
  • Gabriele Butera
  • Pm
  • Pierangelo Padova, Marcello Viola
  • Giorni di detenzione
  • 12 (carcere), 248 (arresti domiciliari)
  • Errore
  • Intercettazioni telefoniche
  • Risarcimento
  • 40 mila euro

Paolo Audia. Un altro caso di errore giudiziario provocato da intercettazioni telefoniche capite male e interpretate peggio. L’ennesimo esempio di come in Italia una frase al telefono possa dare origine uno dei circa 1000 errori giudiziari che ogni anno costringono a una ingiusta detenzione vittime innocenti. Protagonista questa volta è…

Esegui il login o registrati al sito per leggere l'articolo completo


Articoli correlati