Vito Gamberale, assolto e risarcito per 4 mesi di ingiusta detenzione

Pubblicato il 01 marzo 2018

Arrestato, messo in carcere prima e agli arresti domiciliari poi con l’accusa di aver preteso favori da una società fornitrice di Sip. Ma lui è innocente. Ecco la storia di un processo che ha fatto discutere, coinvolgendo il ministro della Giustizia e il Presidente della Repubblica.

Scheda

Vito Gamberale

Roma   RM
Anno 2001
Reato Concorso in tentata concussione, abuso d'ufficio
Avvocato Titta Castagnino
Pm Rosario Cantelmo, Nicola Quatrano, Manuela Mazzi, Pio Avecone
Giudice Luigi Esposito
Giorni di detenzione 16 (carcere), 112 (arresti domiciliari)
Errore Indagini
Risarcimento 290 milioni di lire
Vito Gamberale L’amministratore delegato della Sip (oggi Tim) Vito Gamberale, 50 anni, viene arrestato a Roma alle 20.45 del 27 ottobre 1993. Di lì è subito trasferito nel carcere di Poggioreale, a Napoli, dove rimarrà 16 giorni, fino al 12 novembre. Subito dopo, gli arresti domiciliari nella sua abitazione romana…

Registrazione