“Io, arrestato da innocente, ho fatto causa allo Stato”

Pubblicato il 24 ottobre 2017

Bruno Lago, presidente di una società assicurativa arrestato per errore, ci racconta la sua odissea giudiziaria: conti bloccati, immagine personale e professionale in fumo. Risarcito per i giorni trascorsi ai domiciliari, ha citato in giudizio la Presidenza del Consiglio in base alla legge sulla responsabilità civile dei magistrati. “È la mia battaglia di principio”.

Scheda

Bruno Lago

Roma   RM
Anno2015
ReatoEsercizio abusivo di attività assicurativa, ostacolo e false comunicazioni all’ Autorità di vigilanza
AvvocatoRiccardo Olivo, Maria Carla Pagnotta, Gabriele Maxia
PmVincenzo Piscitelli, Fausto Zuccarelli
GiudiceAmelia Primavera
Giorni di detenzione10 (arresti domiciliari)
ErroreMancata applicazione delle normative Ue sulle società estere; insussistenza presupposti per l'applicazione della custodia cautelare
Risarcimento3.500 euro
Bruno Lago “Dottor Lago? Guardia di Finanza. Dobbiamo notificarle degli atti giudiziari, ci apra”. Il citofono aveva squillato alle 7 del mattino del 14 dicembre del 2010. Una volta entrati, i militari mi consegnarono un’ordinanza di custodia cautelare, arresti domiciliari, un’altra di perquisizione e una terza di sequestro di beni.…

Registrazione