Andrea Marcon, ingiusto il suo arresto. La vita distrutta di un maresciallo dei carabinieri

Pubblicato il 02 agosto 2012

La storia del maresciallo dei carabinieri Andrea Marcon, arrestato per una vicenda di droga e assolto due volte con formula piena. Sospeso due volte dal servizio, senza mai essere condannato neanche in primo grado, quindi costretto ad abbandonare l’Arma nonostante uno stato di servizio ineccepibile. “Nei periodi più bui ho pensato di farla finita. Avevo gli alamari cuciti sulla pelle. La mia storia, esempio di come esistano militari di serie A e militari di Serie B”

Scheda

Andrea Marcon

Montecchio Maggiore (Vicenza)  
Anno2012
ReatoDroga
AvvocatoLucio Zarantonello
ErroreIndagini
«L’arresto? Uno choc. Io arrestavo i delinquenti, non sarebbe dovuto succedere il contrario». Il maresciallo maggiore Andrea Marcon viene catturato nell’ottobre 2005 in caserma, mentre comanda ad interim la stazione dei carabinieri di Montecchio Maggiore. «Fu terribile», ricorda. Dieci giorni di detenzione e poi la sospensione dal servizio.   «Quasi…

Registrazione