È il genero di un boss, ma non è mafioso

Tre anni, due mesi e 11 giorni in carcere da innocente con l’accusa di far parte di clan della zona in cui vive. Ma non c’entra: assolto, viene anche risarcito per ingiusta detenzione.

SCHEDA

Giuseppe Raguseo

Rosarno (Reggio Calabria)
  • Anno
  • 2019
  • Reato
  • Associazione per delinquere di stampo mafioso
  • Avvocato
  • Guido Contestabile, Pietro Antonio Corsaro, Francesco Gambardella
  • Giorni di detenzione
  • 1169 (carcere)
  • Errore
  • Indagini
  • Risarcimento
  • 330 mila euro

Accusato di mafia ed estorsione aggravata. Condannato in primo grado a cinque anni e mezzo di carcere. Costretto a oltre mille giorni di ingiusta detenzione. Sì, perché Giuseppe Raguseo (41 anni, originario di Rosarno, in provincia di Reggio Calabria, ma residente nella zona di Vibo Valentia) era innocente. E per…

Esegui il login o registrati al sito per leggere l'articolo completo

Articoli correlati