Con quella piantagione di marijuana non c’entrava nulla

Passa 18 giorni in carcere da innocente perché suo fratello ha messo su, a sua totale insaputa, una coltivazione di cannabis nascosta tra le serre nei terreni della sua zona. E ci vorranno cinque anni, prima di essere assolto con formula piena e risarcito per ingiusta detenzione.

SCHEDA

Giuseppe Giannone

Gela (Caltanissetta)
  • Anno
  • 2021
  • Reato
  • Coltivazione di sostanze stupefacenti
  • Avvocato
  • Salvo Macrì
  • Giorni di detenzione
  • 18
  • Errore
  • Indagini
  • Risarcimento
  • 6000 euro

Giuseppe Giannone. Arrestato e tenuto in carcere per quasi tre settimane da innocente. Accusato di coltivare droga ai fini della vendita e dello spaccio. Sottoposto a un processo penale che invece non meritava, perché totalmente estraneo alla vicenda che gli era stata imputata. È ciò che è accaduto a Giuseppe…

Esegui il login o registrati al sito per leggere l'articolo completo


Articoli correlati