Giancarlo Noto: in carcere per uno scambio di persona, libero grazie al Dna

giancarlo-noto
Giancarlo Noto

Un testimone oculare giura di averlo riconosciuto come autore di una rapina ai danni di un’anziana. Ma il test genetico su indumenti e passamontagna lasciati dai banditi sul luogo del reato lo scagiona completamente. Dopo aver passato un anno e tre giorni in carcere da innocente

Quel poliziotto non ha mai pestato i dimostranti

Il Tribunale di Napoli
Francesco Adesso

L’ispettore di polizia Francesco Adesso fu arrestato perché un una sola persona ha sostenuto di averlo riconosciuto tra gli agenti che malmenarono i dimostranti al Global Forum di Napoli, nel 2001. Ma lui non ha mai avuto né barba né capelli lunghi, come il teste diceva. Ed è stato assolto con formula piena. Ora lo Stato lo risarcisce con 10 mila euro per i 17 giorni trascorsi agli arresti domiciliari

Il cattivo detective che incastrava gli innocenti

Louis-Scarcella

La discussa carriera di Louis Scarcella, ex investigatore della polizia di New York. Prove dubbie e falsi testimoni. Riaperti 50 casi negli Stati Uniti

In carcere al posto del vero rapinatore

filippodibenedetto
Filippo Di Benedetto

Due cassiere credono di riconoscerlo da una foto segnaletica. Ma a fare quel colpo al supermercato non era lui. In cella viene a sapere il nome del colpevole, che confessa. Ma prima di essere liberato, passa comunque un anno e mezzo dietro le sbarre. Da innocente

Asilo degli orrori, il benzinaio cingalese non c’entra

Kelum Weramuni Da Silva

Con l’accusa di pedofilia non c’entra nulla. E ora la richiesta per ottenere il risarcimento dei danni

Omicidio sotto l’albero di Natale

Antonio Sartiano

L’agguato è fissato davanti l’albero di Natale in via Vittorio Veneto, a La Spezia. Maurizio Basile, boss della malavita locale, sta passeggiando in compagnia di un uomo.

Omicidio sotto l’albero di Natale

Manlio Ferrari

L’agguato è fissato davanti l’albero di Natale in via Vittorio Veneto, a La Spezia. Maurizio Basile, boss della malavita locale, sta passeggiando in compagnia di un uomo.

Mohammed Hamzaoui, sei mesi in carcere per droga da innocente

Mohammed Hamzaoui

Verrà risarcito dallo Stato con 44.566 euro Mohammed Hamzaoui, marocchino di 55 anni che è stato detenuto nel carcere della Dogaia per sei mesi e nove giorni con l’accusa di traffico di sostanze stupefacenti, ma da innocente.