Così il Dna può causare o risolvere gli errori giudiziari

dna-errorigiudiziari

Quanto contribuisce il codice genetico a incolpare o scagionare un innocente? E come può aiutare a riportare la percentuale di ingiuste detenzioni a dimensioni fisiologiche? Intervista alla genetista forense Marina Baldi

Filippo Pappalardi innocente e risarcito: non ha ucciso lui Ciccio e Tore, i suoi figli

Filippo Pappalardi

A quasi sette anni di distanza, ottiene il risarcimento. Aveva chiesto 516 mila euro di risarcimento per l’ingiusta detenzione e il danno morale subiti, ne ottiene solo 65 mila.

Rivincita in appello, all’imprenditore anche un indennizzo

Riccardo Fusi

Con un’assoluzione completa decisa dai giudici d’appello cala definitivamente il sipario sull’inchiesta legata al “piano casa” del comune di Firenze.

Giovane accusato di un attentato a bimbo rom assolto

Daniele Corbizi Fattori

Sarà risarcito dallo Stato, Daniele Corbizi Fattori, lo studente arrestato a Latignano dopo l’attentato al piccolo nomade Matteo Salkanovic e poi assolto – in tribunale a Pisa – per non aver commesso il fatto.

Arrestato ingiustamente, si uccise. Risarcimento alla vedova

Donato Ricci

Fu detenuto ingiustamente per sette giorni Donato Ricci, l’ingegnere di 46 anni, di Lanciano che si suicidò poi per la vergogna. La Corte d’appello dell’Aquila ha riconosciuto l’ingiusta carcerazione e ha stabilito un risarcimento di 10 milioni alla vedov

Sfruttamento della prostituzione, accusa sbagliata per un operaio

Claudio Pedicone

La corte d’appello lo risarcisce con 10mila euro per ingiusta detenzione. Claudio Pedicone, 37enne operaio di Civitella del Tronto, era finito in carcere nell’ambito di un’inchiesta sullo sfruttamento della prostituzione condotta da carabinieri.

Sette mesi in carcere a causa del coinquilino

Abdellah Oumazouz

Sette mesi in carcere Era innocente Ha passato sette mesi in una cella della Dogaia, accusato di essere un trafficante di droga, e ieri è stato prosciolto con tante scuse.

La libertà vale duecento euro al giorno

Daudi El Haussaine

Poco più di duecento euro al giorno. È questo il prezzo della libertà per un cittadino marocchino finito in carcere ingiustamente.

Tre milioni all’ingegnere. ingiusta detenzione, risarcito Giunta

Fausto Giunta

Tre milioni di risarcimento per ingiusta detenzione. La somma l’avrà l’ingegnere Fausto Giunta che si era rivolto alla magistratura per l’ingiusta detenzione subita nel 1993.

Risarcito con 42.000 euro per l’ingiusta detenzione

Vincenzo Federico

Otto mesi di ingiusta detenzione valgono 42.000 euro di risarcimento. Lo ha stabilito la Corte d’appello di Firenze accogliendo il ricorso di Vincenzo Federico, 40 anni, di Prato.