Il sindaco non ha mai incontrato il boss

Un pentito lo accusa: il primo cittadino incontrò il capoclan di zona per ottenere voti in cambio del controllo dei beni confiscati. È falso: in quel periodo, il camorrista era in carcere. Storia di un politico onesto, costretto a 10 mesi e mezzo di ingiusta detenzione.

SCHEDA

Giorgio Magliocca

Pignataro Maggiore (Caserta)
  • Anno
  • 2019
  • Reato
  • Concorso esterno in associazione mafiosa
  • Giorni di detenzione
  • 240 (carcere), 75 (arresti domiciliari)
  • Errore
  • Pentiti
  • Risarcimento
  • 90 mila euro

Giorgio Magliocca. È l’11 marzo 2011. Giorgio Magliocca, avvocato, sindaco di Pignataro Maggiore (un piccolo centro della provincia di Caserta), viene arrestato con l’accusa di avere incontrato un boss della Camorra, alla vigilia delle elezioni comunali del 2006. Ma Giorgio Magliocca è innocente. E si avvia ad affrontare un lungo…

Esegui il login o registrati al sito per leggere l'articolo completo

Articoli correlati