Altro che rubare, era al bar a lavorare

Accusata di far parte di una gang di nomadi responsabile di 60 truffe e raggiri agli anziani, viene arrestata davanti al figlio, in piena notte. E finisce in carcere, dove passa 5 giorni senza aver commesso nessun reato. Ci vorranno 5 anni prima che lo Stato riconosca l’errore giudiziario con un risarcimento irrisorio.

SCHEDA

Chiara Baratteri

Niella Tanaro (Cuneo)
  • Anno
  • 2012
  • Reato
  • Furto
  • Avvocato
  • Gabriella Turco, Mario Almondo
  • Giorni di detenzione
  • 5 (carcere)
  • Errore
  • Riconoscimento errato
  • Risarcimento
  • 6.180 euro

Chiara Baratteri È notte fonda a Niella Tanaro, in provincia di Cuneo. In casa Baratteri, Chiara, la madre, dorme nella sua camera, nell’altra stanza c’è Jodie, il figlio adolescente, che è andato a letto presto perché domani c’è la scuola. Il silenzio ovattato viene interrotto dal campanello della porta: “Aprite,…

Esegui il login o registrati al sito per leggere l'articolo completo


Articoli correlati