Un anno di carcere duro per le false accuse di due pentiti

Ritenuto la mente finanziaria della mafia in Toscana, finisce in carcere solo sulla base delle invenzioni di due collaboratori di giustizia. La terribile vicenda giudiziaria di un semplice e onesto bancario direttore di filiale.

SCHEDA

Roberto Giannoni

Piombino (Livorno)
  • Anno
  • 1998
  • Reato
  • Associazione per delinquere di stampo mafioso
  • Giorni di detenzione
  • 365 (carcere)
  • Errore
  • False dichiarazioni di pentiti
  • Risarcimento
  • 200 milioni di lire

Roberto Giannoni. Una storia che fa venire i brividi, una storia che fa rabbia e che commuove, quella di Roberto Giannoni, al centro di una terribile vicenda giudiziaria che ha sconvolto la sua vita e distrutto la sua famiglia. Era innocente. Oggi è un uomo libero che va in carcere…

Esegui il login o registrati al sito per leggere l'articolo completo


Articoli correlati