Scambiato per estorsore solo perché voleva aiutare il cugino

Individua il ladro dello scooter, lo tempesta di telefonate per chiedergli soldi con cui risarcire il parente. Ma questo lo denuncia per tentata estorsione. Dopo 15 giorni in carcere e 5 mesi e mezzo agli arresti domiciliari, viene risarcito per ingiusta detenzione

SCHEDA

Francesco Piccolo

Lecce (Lecce)
  • Anno
  • 2015
  • Reato
  • Tentata estorsione
  • Giorni di detenzione
  • 15 (carcere), 165 (arresti domiciliari)
  • Errore
  • Indagini
  • Risarcimento
  • 11.300 euro

Si era infuriato per il furto dello scooter subito dal cugino. Ha cercato di farsi giustizia da sé, rintracciando il ladro e bombardandolo di telefonate in cui gli chiedeva denaro per risarcirlo. Ed è finito in carcere per un reato che non aveva commesso: perché la sua non era una…

Esegui il login o registrati al sito per leggere l'articolo completo