Era mozzarella, non droga: titolare di un caseificio arrestato, poi assolto

Un’intercettazione mal interpretata e il commerciante Ottavio Stefanini viene accusato di detenzione di stupefacenti dopo aver parlato al telefono con un indagato che veniva seguito dagli investigatori. Passa 4 gioni in cella e oltre 2 mesi agli arresti domiciliari. Ma “La treccia da 20 euro” era proprio bufala, non hashish né cocaina.

SCHEDA

Ottavio Stefanini

Selci (RI)
  • Anno
  • 2013
  • Reato
  • Detenzione e spaccio di stupefacenti
  • Avvocato
  • Raffaele Magliaro
  • Giorni di detenzione
  • 4 (carcere), 75 (arresti domiciliari)
  • Errore
  • Intercettazioni telefoniche

“Ottavio, si rimedia una treccia di bufala da 20 euro?”. Una intercettazione mal interpretata, una perquisizione al cui esito esce fuori qualche grammo di hashish e un commerciante di mozzarelle che viene arrestato per spaccio di stupefacenti, e che si fa quattro giorni di carcere e due mesi e mezzo…

Esegui il login o registrati al sito per leggere l'articolo completo