Il superpoliziotto anti camorra arrestato da innocente

Ex questore di Palermo, Salerno, Trapani, Catanzaro. Dirigente della Squadra Mobile di Napoli. Costretto a subire un mese e mezzo di ingiusta detenzione per le dichiarazioni di un boss pentito.

SCHEDA

Matteo Cinque Cinque

Napoli (NA)
  • Anno
  • 2003
  • Reato
  • Favoreggiamento
  • Avvocato
  • Gustavo Pansini, Antonio Tortora
  • Giorni di detenzione
  • 47 (carcere)
  • Errore
  • False dichiarazioni dei pentiti
  • Risarcimento
  • 155 mila euro

È il 22 luglio 1992. Sono passati appena tre giorni dalla strage di via D’Amelio, in cui vengono uccisi Paolo Borsellino e gli uomini della sua scorta. Sulla poltrona di questore di Palermo, in quel momento la più difficile d’Italia, viene inviato dal Ministero degli Interni Matteo Cinque, brillante poliziotto…

Esegui il login o registrati al sito per leggere l'articolo completo