L’assassino è suo fratello, ma in carcere finisce lui

Ha un regolare permesso di soggiorno, un lavoro, un contratto di affitto. Non basta: prima che gli investigatori si rendano conto del clamoroso scambio di persona, deve passare 5 mesi in carcere da innocente

SCHEDA

Kujtim Gjoklaj

Roma (Roma)
  • Anno
  • 2012
  • Reato
  • Omicidio
  • Avvocato
  • Francesco Romeo
  • Giorni di detenzione
  • 150 (carcere)
  • Errore
  • Scambio di persona
  • Risarcimento
  • Richiesto

Aveva almeno quattro buoni motivi per non essere lui l’omicida. Anzitutto 15 centimetri di altezza in più, poi 7 anni di meno, quindi una moglie diversa, figli diversi. Ma non è bastato. Così Kujtim Gjoklaj, cittadino albanese residente a Roma, è stato costretto a passare cinque mesi di ingiusta detenzione…

Esegui il login o registrati al sito per leggere l'articolo completo