Adriana Bellomi, assolta e risarcita: con quelle armi da guerra non c’entra

Arrestata la vigilia di Natale con l’accusa di detenzione di materiale bellico molto pericoloso (bombe, granate, mitragliatori…) che in realtà è del marito. Nove anni prima di risultare innocente e vedere riconosciuto il suo diritto al risarcimento per ingiusta detenzione

SCHEDA

Adriana Bellomi

Pavia (Voghera) ()
  • Anno
  • 2012
  • Reato
  • Detenzione illegale di armi da guerra
  • Avvocato
  • Lucio Zarantonello
  • Risarcimento
  • Concesso

La sua unica colpa, per così dire, era stata quella di essere la fidanzata di un ristoratore che amava collezionare armi. Ma con bombe e granate illegali, come invece sosteneva la procura, lei non aveva nulla a che fare, come aveva ribadito fin dal primo momento. Ma ci sono voluti…

Esegui il login o registrati al sito per leggere l'articolo completo