Pietro Boero, il poliziotto accusato di omicidio era innocente

Ha trascorso 28 mesi in carcere con l’incubo di una condanna all’ergastolo. E ci sono voluti otto processi per accertare che non era lui il colpevole di una rapina in cui era rimasto ucciso un collega. Lo Stato gli riconosce 80 milioni di lire, poco più di 95 mila lire per ogni giorno di cella

SCHEDA

Pietro Boero

Asti (AT)
  • Anno
  • 1996
  • Reato
  • Omicidio, rapina
  • Giorni di detenzione
  • 850 (carcere)
  • Errore
  • Indagini
  • Risarcimento
  • 80 milioni di lire

Poco più di 95 mila lire per ogni giorno di carcere. E’ quanto pagherà lo Stato a Pietro Boero, 43 anni, l’ex poliziotto astigiano accusato e poi assolto dall’imputazione di aver ucciso un collega, Fiorentino Manganiello, durante una rapina: l’episodio nel novembre di 13 anni fa alle Poste di corso…

Esegui il login o registrati al sito per leggere l'articolo completo