Vito Gamberale, assolto e risarcito per 4 mesi di ingiusta detenzione

Arrestato, messo in carcere prima e agli arresti domiciliari poi con l’accusa di aver preteso favori da una società fornitrice di Sip. Ma lui è innocente. Ecco la storia di un processo che ha fatto discutere, coinvolgendo il ministro della Giustizia e il Presidente della Repubblica.

SCHEDA

Vito Gamberale

Roma (Roma)
  • Anno
  • 2001
  • Reato
  • Tentata concussione
  • Avvocato
  • Titta Castagnino
  • Pm
  • Rosario Cantelmo, Nicola Quatrano, Manuela Mazzi, Pio Avecone
  • Giorni di detenzione
  • 16 (carcere), 112 (arresti domiciliari)
  • Errore
  • Indagini
  • Risarcimento
  • 290 milioni di lire

Vito Gamberale L’amministratore delegato della Sip (oggi Tim) Vito Gamberale, 50 anni, viene arrestato a Roma alle 20.45 del 27 ottobre 1993. Di lì è subito trasferito nel carcere di Poggioreale, a Napoli, dove rimarrà 16 giorni, fino al 12 novembre. Subito dopo, gli arresti domiciliari nella sua abitazione romana…

Esegui il login o registrati al sito per leggere l'articolo completo