Cinque mesi di carcere perché omonimo di un padrino

Storia di Matteo Motisi, vittima di un clamoroso caso di omonimia. Nel 1995 fu arrestato con l’accusa di essere uomo di fiducia di Riina: 5 mesi in carcere e oltre due anni di odissea giudiziaria, prima di accorgersi dell’errore giudiziario.

SCHEDA

Matteo Motisi Motisi

Milano (MI)
  • Anno
  • 1998
  • Reato
  • Mafia
  • Avvocato
  • Pasquale Balzano Prota
  • Pm
  • Antonella Consiglio, Ignazio De Francisci
  • Giorni di detenzione
  • 150 (carcere)
  • Errore
  • Omonimia

Il citofono che squilla in piena notte, alle 3 del 10 febbraio 1995. Il subbuglio nel palazzo, il portiere che si affaccia nell’androne per capire cosa sia quel trambusto, otto carabinieri che si presentano alla porta di Matteo Motisi. Quando la moglie Giuseppina li fa entrare, i militari irrompono nell’appartamento,…

Esegui il login o registrati al sito per leggere l'articolo completo