Primo piano     Pubblicata il 18 Maggio 2018

Dissero di lui. Così Enzo Tortora fu massacrato dai media

Dal momento dell’arresto in avanti, giornali, radio e televisioni si scagliarono contro Enzo Tortora. La stragrande maggioranza dei media si schierò su posizioni colpevoliste. Tranciando giudizi che oggi suonano impietosi, paradossali, spietati nella loro ferocia gratuita. Ma nello stesso tempo ridicoli perché basati sul nulla. Abbiamo raccolto le frasi più emblematiche che i media dedicarono a Enzo Tortora, vittima di uno dei più clamorosi errori giudiziari italiani.
Se la presero con la sua vita privata, con il suo aspetto fisico, puntarono su antipatie personali legate al successo travolgente di una sua creatura televisiva, quel “Portobello” che lo aveva trasformato in un numero uno assoluto della televisione. Come se tutto il passato da giornalista Rai improvvisamente non contasse più nulla e tutto dipendesse solo da quelle accuse false, volgari, traballanti quando non addirittura inesistenti, formulate da pentiti di infimo rango.

Abbiamo selezionato alcune tra le più incredibili frasi che vennero pubblicate all’epoca dell’arresto di Enzo Tortora e nei periodi successivi. Leggetele con attenzione e riflettete su quanto stridano con le immagini di un uomo vessato, umiliato, a tratti linciato mediaticamente. Mai comunque vinto.

 

Correlati


  17 Maggio 2018    Primo piano
Gaia Tortora: “Mio padre è morto invano”

È cambiato qualcosa nella giustizia italiana dopo il sacrificio di Enzo Tortora? No, dice la figlia di Enzo, il più tristemente noto caso di errore giudiziario in Italia. Nonostante un referendum, nonostante centinaia di innocenti che finiscono in carcere ogni anno.

  16 Maggio 2018    Primo piano
Che cosa fu il caso Tortora

Venticinque anni fa moriva il popolare conduttore televisivo. Cinque anni prima, nel giugno del 1983, era stato arrestato. Le accuse dei pentiti, la gogna pubblica, l'assoluzione in Cassazione, la malattia e la morte. Per quello che Giorgio Bocca definì "il più grande esempio di macelleria giudiziaria" nessuno ha mai pagato