Storia di Andrea: vigilantes onesto, non ladro di bagagli

Andrea Torino 2
Andrea Torino

Lo arrestano all’alba con l’accusa di far parte di un’organizzazione che ruba nei trolley e nelle valigie dei passeggeri dell’aeroporto di Brindisi. Ma è innocente. Da un anno attende il risarcimento per ingiusta detenzione. Ma ha perso il lavoro che ama e la reputazione

Mauro Galeazzi, l’assessore innocente: né corruzione né peculato

mauro-galeazzi
Mauro Galeazzi

Ha passato due settimane in carcere con l’accusa di aver intascato tangenti da un imprenditore per favorire la realizzazione di un supermercato e aver usato un cellulare della Provincia per scopi personali. Non era vero. E lo Stato deve risarcirlo con 16.900 euro

Medoro Giannone, il carabiniere assolto e risarcito a 17 anni dall’arresto

Medoro Giannone

Accusato di falso e peculato, ha passato due settimane in carcere e un anno agli arresti domiciliari perché dicevano che si era impossessato di una tonnellata e mezzo di sigarette di contrabbando. Era innocente, avrà 60 mila euro per ingiusta detenzione

Un errore l’arresto di Bolzoni e Lodato

Saverio Lodato

Sconfessando le tesi di Salvatore Curti Giardina, allora procuratore capo a Palermo, il giudice istruttore Renato Grillo ha prosciolto i giornalisti Attilio Bolzoni di Repubblica e Saverio Lodato dell’Unità, arrestati nel marzo dell’88 con l’accusa di pec

Quell’agente della Stradale non era corrotto

Terenzio Muè

Condannato in primo grado e in appello per concussione, truffa, favoreggiamento, peculato, ricettazione e riciclaggio. Assolto in Cassazione “perché i fatti non sussistono”

La fine del calvario per un carabiniere

Marco Biancafarina

E’ finito nella terribile morsa della macchina della giustizia, che lo ha stritolato per ben nove anni e mezzo.
A doversi difendere da accuse infondate è stato un maresciallo dei carabinieri, Marco Biancafarina, che finalmente è riuscito la sua innoce

Un errore l’arresto di Bolzoni e Lodato

Attilio Bolzoni

Sconfessando le tesi di Salvatore Curti Giardina, allora procuratore capo a Palermo, il giudice istruttore Renato Grillo ha prosciolto i giornalisti Attilio Bolzoni di Repubblica e Saverio Lodato dell’Unità, arrestati nel marzo dell’88 con l’accusa di pec