“Non voltarti indietro” in Francia, consensi anche a Lione

image-5

Dopo il successo dell’anteprima europea a Tolosa, il nostro docufilm su errori giudiziari e ingiusta detenzione in Italia ha varcato di nuovo i confini. Anche stavolta apprezzamenti, applausi convinti e grande partecipazione del pubblico

“Non voltarti indietro” a Milano: la presentazione

Schermata 2016-10-11 alle 15.00.20

Francesco Bizzarri, direttore generale di “Visioni dal Mondo – Immagini dalla Realtà”, festival internazionale del documentario, introduce la proiezione fuori concorso del docufilm sugli errori giudiziari prodotto da Errorigiudiziari.com. Presenti in sala i produttori Benedetto Lattanzi e Valentino Maimone, il regista Francesco Del Grosso, due dei protagonisti (Lucia Fiumberti e Antonio Lattanzi).

“Non voltarti indietro”, anche a Milano successo e consensi

IMG_0798

Applausi, tanto interesse e partecipazione convinta alla discussione seguita alla proiezione fuori concorso al festival internazionale del documentario “Visioni dal mondo – Immagini dalla realtà”

“Non voltarti indietro”, i protagonisti: Antonio Lattanzi

Antonio Lattanzi Non voltarti indietro

Un estratto dal primo docufilm sugli errori giudiziari in Italia: parla una degli innocenti in manette.

“Non voltarti indietro”, gli errori giudiziari italiani in un docufilm

LocandinaBassa

Guarda subito il trailer del primo docufilm sugli errori giudiziari in Italia. Prodotto da Errorigiudiziari.com, per la regia di Francesco Del Grosso.

Errori giudiziari, responsabilità dei magistrati, custodia cautelare: come intervenire presto e bene

Errori giudiziari, cause e responsabilità dei giudici

La giornata di studio e confronto sulla riforma della giustizia organizzata a Milano: idee, prospettive, polemiche, punti di incontro

Una vita e una carriera rovinate, risarcito con 55 mila euro

antonio lattanzi martinsicuro
Antonio Lattanzii

Antonio Lattanzii, ex assessore ai lavori pubblici di Martinsicuro (Teramo) ha passato 83 giorni in carcere e subito un processo durato 10 anni. Che gli ha causato danni psicologici, economici, sociali. Assolto da ogni accusa, lo Stato ha disposto un risarcimento di 55 mila euro: “Una somma iniqua e irrisoria, farò ricorso…”