Strangolato dopo essere stato risarcito

Riccardo Pollice

Sarà eseguita stamattina l’autopsia sul corpo di Riccardo Pollice, 42 anni, il maestro di musica strangolato fra giovedì notte e venerdì nel suo alloggio in via Vochieri 95.

Non era la mandante dell’omicidio del marito

Renata Lipsova

Nessun risarcimento danni per Renata Lipsova, 47 anni, la cittadina ceca assolta dalle accuse di essere mandante dell’omicidio del marito. Lo ha stabilito la Cassazione, annullando una precedente decisione della IV sezione della Corte d’appello di Torino.

4 anni in carcere accusato di omicidio. Ma era innocente

Antonio Ferraro

A uccidere una ragazza ventenne non era stato lui, ma la sua fidanzata

In carcere per errore, chiede risarcimento

Gianluca Cabiddu

Le sentenze pronunciate dalla Corte d’Appello hanno effetto devolutivo, cioè si estendono anche a chi non ha fatto ricorso contro una sentenza di condanna emessa in primo grado dal tribunale.

Albanese risarcito con 66 milioni

Apostol Alija

Circa 66 milioni di lire come risarcimento per ingiusta detenzione: li ha assegnati la Corte d’appello di Torino a Apostol Alija, 25 anni, un albanese che nel luglio 2001 fu assolto dal gip dall’accusa di rapina a una prostituta.

Due volte in carcere, due volte risarcito

Filippo Portaro

Ha scontato 2 anni e 10 mesi di arresti domiciliari per spaccio di droga, ma è stato assolto per insussistenza dei fatti: lo Stato lo ha risarcito per l’ingiusta detenzione con 52 milioni.

Il commercialista scagionato chiede i danni

Egidio Rangone

Assolto per non aver commesso il fatto: con questa sentenza il gip di Torino ha chiuso la vertenza del commercialista e amministratore di società Egidio Rangone, 46 anni, Cassine (ma studio in via Dante, in città) accusato di concussione.

Sassi cavalcavia, risarciti Mastarone e Lauria

Francesco Lauria

La Corte d’Appello di Torino ha deciso: Gianni Mastarone e Francesco Lauria, i due giovani tortonesi che hanno subito un’ingiusta detenzione, devono essere risarciti con 92 milioni complessivi, 47 al primo, 45 al secondo.

Sassi cavalcavia, risarciti Mastarone e Lauria

Gianni Mastarone

La Corte d’Appello di Torino ha deciso: Gianni Mastarone e Francesco Lauria, i due giovani tortonesi che hanno subito un’ingiusta detenzione, devono essere risarciti con 92 milioni complessivi, 47 al primo, 45 al secondo.

Accusato dalla madre, assolto e risarcito

Vittoria Idda

Vittorio Idda, assolto due anni fa, ha ora ottenuto dallo Stato 33.000 euro di risarcimento danni per ingiusta detenzione per estorsione, maltrattamenti, sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione e venne incriminato.