Traffico di droga, risarcito Spadaccini

Ferdinando Spadaccini

Poco meno di sedicimila euro. E’ il risarcimento per l’ingiusta detenzione assegnato a Ferdinando Spadaccini, giovane algherese pluripregiudicato, accusato di traffico di droga e in carcere per un mese.

Non erano colpevoli, ora chiedono 12 milioni

Massimiliano Caforio

Quattro imputati prima condannati e poi assolti nel processo di revisione per la cosiddetta “strage della barberia” di Taranto, in cui morirono quattro persone, hanno chiesto complessivamente un risarcimento di 12 milioni di euro per ingiusta detenzione.

Non erano colpevoli, ora chiedono 12 milioni

Cosimo Bello

Quattro imputati prima condannati e poi assolti nel processo di revisione per la cosiddetta “strage della barberia” di Taranto, in cui morirono quattro persone, hanno chiesto complessivamente un risarcimento di 12 milioni di euro per ingiusta detenzione.

Non erano mafiosi, prosciolti e risarciti

Domenico Frustagli

La Corte d’appello di Catanzaro ha riconosciuto l’ingiusta detenzione di due amministratori comunali del Pds di Sant’Andrea Jonio, fissando per loro un risarcimento dei danni morali e materiali subiti in due milioni per ciascun giorno di reclusione sconta

Non erano mafiosi, prosciolti e risarciti

Antonio Commodari

La Corte d’appello di Catanzaro ha riconosciuto l’ingiusta detenzione di due amministratori comunali del Pds di Sant’Andrea Jonio, fissando per loro un risarcimento dei danni morali e materiali subiti in due milioni per ciascun giorno di reclusione sconta

Lodigiani, sessantatre inchieste, zero condanne.

Vincenzo Lodigiani

Finito nel tritacarne di Mani pulite, il costruttore Vincenzo Lodigiani ha passato 13 anni di calvario giudiziario ed è stato costretto a vendere l’impresa

Non erano colpevoli, ora chiedono 12 milioni

Francesco Aiello

Quattro imputati prima condannati e poi assolti nel processo di revisione per la cosiddetta “strage della barberia” di Taranto, in cui morirono quattro persone, hanno chiesto complessivamente un risarcimento di 12 milioni di euro per ingiusta detenzione.

Non erano colpevoli, ora chiedono 12 milioni

Giovanni Pedone

Quattro imputati prima condannati e poi assolti nel processo di revisione per la cosiddetta “strage della barberia” di Taranto, in cui morirono quattro persone, hanno chiesto complessivamente un risarcimento di 12 milioni di euro per ingiusta detenzione.

Sindacalista e usuraio

Ignazio Moschera

“Passa dalla zia a prendere i soldi”. Ignazio Moschera, nei primi giorni del novembre 1991, è in Sardegna dal fratello Cosimo Demetrio.

Arrestato per errore risarcito per le nozze rinviate

Claudio Sanna

Arrestato ingiustamente il giorno del matrimonio, sarà risarcito con quasi 10 milioni di lire per non essersi potuto sposare. Protagonista della vicenda è Claudio Sanna, 38 anni, di Portoscuso in provincia di Cagliari.