Life After Death – La vita dopo la morte

Nel 1993, gli adolescenti Damien Echols, Jason Baldwin e Jessie Misskelley Jr. – diventati poi noti come i “West Memphis Three” (i tre di Memphis Ovest) — vennero arrestati per l’omicidio di tre ragazzi di otto anni in Arkansas. Il processo fu caratterizzato da prove manipolate, false testimonianza e condizionato dall’isteria pubblica. Baldwin e Misskelley furono condannati all’ergastolo, mentre il diciottenne Echols, considerato il “capobanda”, fu punito con la pena di morte. Nei due decenni successivi, i cosiddetti “WM3″ divennero famosi in tutto il mondo come il simbolo dell’errore giudiziario e dell’ingiusta detenzione, con migliaia di sostenitori e molte personalità che si schierarono a favore di un nuovo processo. Nell’agosto del 2011, a sorpresa, i tre ragazzi vennero assolti. Ora Echols mette nero su bianco la sua storia, raccontando gli abusi subiti dalle guardie carcerarie, il rapporto con i compagni di cella, le terribili condizioni di vita in prigione. In queste pagine, Echols si rivela uno scrittore brillante, con una narrazione a volte tragica a volte ironica. Descrive il terrore sperimentato ogni giorno e la sua indignazione verso il sistema giudiziario statunitense e offre un resoconto in prima persona dell’esperienza vissuta nel braccio della morte con dettagli anche strazianti.

 

Damien Echols  (1974 Usa)  a 18 anni viene arrestato assieme a Jason Baldwin e Jessie Miskelley per l’omicidio di tre bambini dell’Arkansas. In un processo farsa viene condannato alla pena capitale e trascorre 18 anni nel braccio della morte. Nel 2011 i tre ottengono la revisione del processo e vengono assolti. Oggi è sposato con, Lorri Davis, conosciuta durante la detenzione. Vive a New York City.

La scheda

Commenta