Innocenti in cella, assolti e archiviati: le vittime della giustizia sono un esercito

C’è chi non ha fatto neanche un giorno di prigione. Ma per anni, prima di essere assolto, ha dovuto lottare, soffrire e pagare per dimostrare la sua innocenza. È accaduto a Raniero Busco, accusato dell’omicidio di Simonetta Cesaroni. C’è chi ha trascorso quasi ventidue anni in una cella e ha rivisto la luce solo grazie a una revisione del processo, come Giuseppe Gulotta. Chi ha ottenuto solo una giustizia postuma, come Giovanni Mandalà, accusato assieme a Gulotta della strage di Alcamo del 1976, condannato all’ergastolo nell’81 e riconosciuto del tutto estraneo ai fatti all’inizio del 2012, quando era già defunto.

C’è chi si è visto archiviare ogni accusa senza neanche dover entrare in un tribunale e chi è stato prosciolto prima del dibattimento, ma è stato costretto a spendere soldi e tempo per difendersi, ha trascorso notti in bianco, ha perso il lavoro, è stato lasciato dalla moglie, è finito sul lastrico.

Sotto tutte vittime di un sistema giudiziario che non funziona. Sono tante e, se l’annuncio di Berlusconi di fondare un partito a loro «dedicato» si trasformasse in realtà, nella nuova formazione potrebbero entrare a migliaia. A loro si aggiungono i cittadini italiani che devono subire i ritardi di procedimenti civili, pendenze pari a otto processi ogni cento abitanti. In questo caso, per ottenere una sentenza di primo grado ci vogliono 600 giorni e una media di quattro anni per arrivare a un verdetto definitivo.

Ma torniamo al penale. A settembre, nell’inchiesta pubblicata da «Il Tempo», abbiamo parlato di ingiusta detenzione e di errori giudiziari. Il dato-base, raccolto dal Censis, è che nella storia della Repubblica circa quattro milioni di persone sono state coinvolte in inchieste e sono risultate innocenti. È una stima, certo. Solo dal 1989, infatti, con l’entrata in vigore del nuovo codice di procedura penale, esistono statistiche precise e attendibili. E sono numeri che fanno venire i brividi. In ventitrè anni, fino al 2012, quasi 25 mila italiani e stranieri sono stati incarcerati ingiustamente. Lo Stato ha speso per risarcirli quasi 550 milioni di euro. Se a questi sommiamo altri 30 milioni rimborsati per errori giudiziari, arriviamo a quasi 600 milioni di euro. Ma non basta. Perché ai 25 mila ne dobbiamo aggiungere altrettanti. Secondo Eurispes e Unione delle camere penali, infatti, ogni anno vengono inoltrate 2500 domande di rimborso per ingiusta detenzione, ma solo 800 (meno di un terzo) vengono accolte a causa di alcuni cavilli.

 

Le cifre più recenti (raccolte dal sito specializzato Errorigiudiziari.com) confermano la tendenza: nel 2013 il totale dei casi di ingiusta detenzione è stato di 1368, quello dei casi di errore giudiziario 25; la spesa dei risarcimenti per ingiusta detenzione in un solo anno arriva a 35.853.732,58 euro, quella per i rimborsi per errori giudiziari a 852.922,57 euro.

Il distretto di Corte d’appello che ha speso di più per ingiusta detenzione è stato quello di Napoli (251 casi, 8.381.158,49 euro) e quello che ha sborsato più soldi per errori giudiziari, quello di Lecce (2 casi, 325.029,60 euro). Secondo il rapporto annuale del National Registry of Exoneration statunitense (il registro degli errori di giustizia) nel Belpaese si sbaglia dodici volte più che negli Usa. Non solo. Le ingiuste detenzioni in America sono state «appena» 1304 contro le nostre venticinquemila. Mettendocene altrettante che non hanno ottenuto denaro in cambio del tempo trascorso dietro le sbarre, arriviamo a quasi 40 volte il totale degli Stati Uniti.

 

Ma, come dicevamo, anche chi è stato assolto ha dovuto subire il calvario delle accuse, utilizzare i servizi di un legale e sopportare le relative ansie. La direzione generale di statistica del Ministero della Giustizia fa sapere (dati aggiornati al novembre 2011) che nel 2009 nel tribunali tricolori sono state 46.656 le persone assolte durante un giudizio ordinario che ne aveva coinvolte 152.601, quindi parliamo del 30,6%; 5.217 lo sono state dopo un giudizio immediato o in seguito all’opposizione a un decreto penale (su 14.645,); 1749 dopo un direttissimo; 3.889 dopo un abbreviato in sede di direttissimo e 7.379 dopo un abbreviato in sede di ordinario. Il totale sfiora le 65 mila unità. Nel 2010 la situazione è addirittura peggiorata: siamo a 72.467 assolti, cioè 7.578 in più dei dodici mesi precedenti. Questo senza contare i giudici di pace, che hanno totalizzato 7.657 «assoluzioni» nel 2009 (10,9%) e 8.856 nel 2010 (11%).

 

Poi ci sono gli imputati condannati in primo grado e riconosciuti innocenti in secondo o in terzo. Qualche anno fa il presidente di Corte d’appello di Roma disse che la metà circa delle sentenze del tribunale veniva riformata in seconda istanza. Anche se non esistono informazioni ufficiali, la stima del magistrato dovrebbe bastare a farsi un’idea (e il caso via Poma docet) di quanti vengono considerati colpevoli nel primo processo, magari finiscono in prigione (se vengono riconosciuti i «pericoli» previsti dal codice: reiterazione del reato, fuga e inquinamento delle prove) per essere riconosciuti estranei ai fatti mesi o, più probabilmente, anni dopo. Un esercito che ingrossa le sue file con chi è stato prosciolto senza dover entrare in un’aula di giustizia e con quanti sono stati indagati ed esposti alla gogna mediatica per vedere, più tardi, la propria posizione archiviata su richiesta dello stesso pubblico ministero o in base alla decisione del giudice per l’udienza preliminare.

 

Nella sua recente relazione in occasione dell’inaugurazione dell’anno giudiziario il presidente della Corte d’appello romana Catello Pandolfi ha sottolineato come, dal primo luglio 2012 al 30 giugno 2013, nella Capitale ci sono state 19.235 archiviazioni su un totale di 23.002 procedimenti avviati. Capita, infine, che nel corso del procedimento penale intervenga la prescrizione, che non vuol dire incolpevolezza ma soltanto che non si è riusciti a raggiungere una decisione in tempo utile. Anche così, comunque, le vite degli imputati restano «appese» alla loro sorte giudiziaria. E non sono poche, visto che in nove anni, dal 2001 al 2010 sono state la bellezza di un milione e 694.827, per una media annua di quasi 170 mila.

 

Insomma, sono tanti quelli che hanno subito un ingiustizia dalla Giustizia. E alcuni magistrati, da questo punto di vista, rappresentano un record. Sono talmente tanti, ad esempio, i «mostri» sbattuti in prima pagina per le inchieste dell’attuale sindaco di Napoli (poi scarcerati con tanto di scuse e risarcimenti a carico delloStato) che, alcuni cittadini esasperati hanno fondato «l’associazione vittime di De Magistris», nata nel 2008. Associazione che lega tra loro alcuni degli indagati delle inchieste dell’ex pm di Catanzaro, molte delle quali finite nel nulla. Vite distrutte per errori che rimangono puntualmente impuniti.

 

(fonte: Maurizio Gallo, Il Tempo, 17 marzo 2014)

 

Commenti

  1. roberta scrive:

    QUELLO CHE CI STA SUCCEDENDO HA DELL’INCREDIBILE , ALMENO PER NOI CHE SIAMO COMPLETAMENTE IGNORANTI IN MATERIA. SIAMO UNA FAMIGLIA NORMALISSIMA DI UN PAESE DELLA PIANURA PADANA MIO MARITO E OPERAIO PROSSIMO ALLA PENSIONE DUE FIGLI MAGGIORENNI CHE LAVORANO IO CHE MI OCCUPO DELL A CASA. UNA MATTINA ALLE 5.30 I CARABINIERI SUONANO AL CITOFONO VOGLIONO ENTRARE PER PARLARE CON NS FIGLIA . CI CONSEGNANO UN FOGLIO NEL QUALE C’ERA SCRITTO CHE MIA FIGLIA RISULTAVA INDAGATA PER ACQUISTO E USO DI SOSTANZE DOPANTI E ANABOLIZZANTI. AVEVA FREQUENTATO ALCUNI MESI PRIMA UNA PALESTRA DEL PAESE SUCCESSIVAMENTE ISPEZIONATA DAI NAS CHE AVEVANO TROVATO UN’AGENDA DOVE COMPARIVA IL NOME SIA DI MIA FIGLIA CHE DI ALTRE 30 PERSONE ANCHE LORO INDAGATE PER LO STESSO MOTIVO. INUTILE DIRE CHE SONO CERTA CHE MIA FIGLIA DI QUESTE COSE NN NE HA MAI FATTO USO E AL MASSIMO HA ACQUISTATO QUALCHE INTEGRATORE ANCHE TRAMITE INTERNET. MA I NAS ANCHE SE CI POSSONO AVERE CREDUTO HANNO COMUNQUE PERQUISITO L’APPARTAMENTO E ALLA FINE CI HANNO RASSICURATO DI STARE TRANQUILLI CHE ERA TUTTA UNA PROCEDURA PER RIUSCIRE A INCASTRARE IL TITOLARE DELLA PALESTRA. NN ERA PERO FINITA QUI, NOI CHE CI SIAMO LASCIATI RASSICURARE DA TUTTI CHE DICEVANO CHE COMUNQUE FINIVA L’AVVOCATO DI FIDUCIA CHE CI ERA STATO ASSEGNATO NN ERA DA PAGARE PERCHE MIA FIGLIA NN AVEVA FATTO NULLA. INVECE ADESSO E SALTATO FUORI CHE PER VENIRNR FUORI E PER FAR SI CHE L’AVVOCATO PROVI LA SUA ESTANEITA A TUTTO C’E DA PAGARE . NOI NN ABBIAMO LA POSSIBILITA PERCHE DI QUELLO CHE GUADAGNAMO NE ABBIAMO APPENA A SUFFICENZA, PAGHIAMO UN AFFITTO ABBIAMO TRE MACCHINE PERCHE CI SERVONO PER RECARCI AL LAVORO , NN CONDUCIAMO UNA VITA LUSSUOSA NONOSTANTE TUTTO L’AVVOCATO LO DOBBIAMO PAGARE E IL CASO VUOLE CHE QUELLO CHE CI HANNO AFFIDATO NN E BUON MERCATO. NN SO COME FAREMO MA SONO VERAMENTE MOLTO INDIGNATA E POI VEDERE MIA FIGLIA COSTRETTA A SUBIRE TUTTO QUESTO MI RENDE ANCORA PIù DEMORALIZZATA.

Commenta