Errori Giudiziari Tv / Primo piano     Pubblicata il 19 giugno 2018

Francesca Scopelliti: “La vicenda di Enzo andrebbe studiata, non evitata”

Da trent’anni, da quando cioè Enzo Tortora ci ha lasciato, porta avanti con orgoglio, fatica e tantissimo impegno il lascito del popolare presentatore di Portobello: dar voce a chi voce non ha, aprire gli occhi della gente sulla situazione degli innocenti in carcere, delle vittime di errori giudiziari, dei diritti umani dietro le sbarre. Lei è Francesca Scopelliti, ultima compagna di vita e di battaglie di Tortora nonché presidente della Fondazione a lui intitolata.

Nel trentennale della scomparsa del suo compianto Enzo, a margine di una cerimonia che si è tenuta in Senato, in questa video intervista sottolinea tutta la sua amarezza nel vedere come una vicenda che sarebbe così importante ricordare costantemente per una democrazia compiuta, viene in realtà relegata ai margini di qualche temporaneo ricordo. A danno dei cittadini e della loro conoscenza di cosa vuol dire davvero poter usufruire di un giusto processo e di una giustizia giusta. Senza il rischio che una vicenda così tragica possa ripetersi anche oggi.

 

 

Francesca Scopelliti conosce e apprezza da molto tempo l’attività di Errorigiudiziari.com. Abbiamo avuto spesso modo di confrontarci con lei in occasione pubbliche (per esempio “Innocenti in manette”, la giornata dedicata alle vittime degli errori giudiziari che abbiamo organizzato con il Partito Radicale in occasione del 35° anniversario dell’arresto di Enzo Tortora). E lo testimonia anche questo breve video che ha voluto “regalarci” per confermare il suo sostegno.

 

Correlati


  17 maggio 2018    Primo piano
Gaia Tortora: “Mio padre è morto invano”

È cambiato qualcosa nella giustizia italiana dopo il sacrificio di Enzo Tortora? No, dice la figlia di Enzo, il più tristemente noto caso di errore giudiziario in Italia. Nonostante un referendum, nonostante centinaia di innocenti che finiscono in carcere ogni anno.

  16 maggio 2018    Primo piano
Che cosa fu il caso Tortora

Venticinque anni fa moriva il popolare conduttore televisivo. Cinque anni prima, nel giugno del 1983, era stato arrestato. Le accuse dei pentiti, la gogna pubblica, l'assoluzione in Cassazione, la malattia e la morte. Per quello che Giorgio Bocca definì "il più grande esempio di macelleria giudiziaria" nessuno ha mai pagato