Preso per spacciatore perché parla di ringhiere al telefono

Pubblicato il 19 luglio 2017

Gli inquirenti gli contestano di aver parlato al telefono con quello che viene ritenuto capo di una banda specializzata in furti, rapine e spaccio di droga. Si riferisce a “cancellI”, “ringhiere”, “lavori”, ma non è un linguaggio in codice: è il suo lavoro. Dopo 23 giorni in carcere e 4 anni di odissea giudiziaria, verrà scagionato.

Scheda

Enrico Buoli

Ferrara   FE
Anno 2017
Reato Spaccio di sostanze stupefacenti
Avvocato Alberto Bova, Marcello Vescovi
Giudice Sandra Lepore
Giorni di detenzione 23
Errore Intercettazioni
Enrico Busoli Di che cosa può parlare un fabbro al telefono? Di cancelli, ringhiere, lavori vari. Come possono sostantivi di questo tipo essere scambiati per linguaggio in codice e riferirsi a droga, sarebbe interessante capirlo. Sì, perché Enrico Busoli, 47 anni, originario di Lagosanto (Ferrara) e fabbro di professione da…

Registrazione