I pentiti: “Lavora per Messina Denaro”. Era innocente

Pubblicato il 01 maggio 2018

Accusato da due pentiti di essere uomo del superboss mafioso Matteo Messina Denaro, finisce in carcere innocente. Ci vorranno oltre 2 anni di ingiusta detenzione, prima di riuscire a dimostrare la sua innocenza.

Scheda

Vincenzo Salvatore Onorio

Trapani   TP
Anno2018
ReatoAssociazione per delinquere di stampo mafioso, tentata estorsione
AvvocatoNino Caleca, Marcello Montalbano
Giorni di detenzione741 (carcere)
ErroreDichiarazioni di pentiti
Risarcimento176 mila euro
È il 16 febbraio 2010 quando scatta l’operazione “Nerone”, in seguito alla quale finisce in carcere Vincenzo Salvatore Onorio, 63, imprenditore caseario originario di Gibellina (in provincia di Trapani). L’uomo è accusato di associazione per delinquere di stampo mafioso e tentata estorsione. Due pentiti palermitani (Emanuele Andronico e Pietro Scavuzzo)…

Registrazione