Corrado Di Giovanni è innocente, non era il basista della banda

Pubblicato il 16 giugno 2014

Rappresentante di vernici di Pordenone, viene accusato di essere la “talpa” di una gang responsabile di rapine nelle ville di imprenditori della zona. Passa 14 mesi in carcere e uno ai domiciliari. Assolto due volte, ha perso tutto

Scheda

Corrado Di Giovanni

Pordenone  
Anno2014
ReatoAssociazione per delinquere, rapina
AvvocatoMichele Attanasio, Gianpaolo Bevilacqua
Venerdì 23 marzo 2012, ore 16. Tre agenti della squadra mobile di Venezia si presentano a Rivarotta di Pasiano, a casa del rappresentante di vernici Corrado Di Giovanni, 53 anni. Dopo una perquisizione domiciliare («volta alla ricerca di armi»), lo portano in questura, nella città lagunare. Prima, fa in tempo…

Registrazione